Congratulazioni al Dott. Davide Carniato, neo-laureato in Produzioni e Gestione degli Animali in Allevamento e Selvatici nella Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Torino che ha discusso la tesi dal titolo “La gestione dell’allevamento dei Fasianidi può influire sull’apprendimento anti-predatorio?”.

La selvaggina utilizzata per i ripopolamenti e le reintroduzioni deve possedere determinate caratteristiche qualitative per sopravvivere in natura. Dopo molte generazioni di allevamento in cattività è possibile che il comportamento degli animali allevati sia in parte mutato, ma è anche possibile che le tecniche di allevamento non siano pienamente compatibili con l’esigenza di produrre esemplari di qualità anche sotto il profilo comportamentale. Oltre alla selezione sulla base di specifici test comportamentali, diversi studi dimostrano che si possono attuare programmi tesi a favorire l’apprendimento precoce degli animali rispetto ai comportamenti più importanti. Fra questi vi sono indubbiamente le risposte anti-predatorie, dato che la predazione è una delle cause principali di perdita delle starne reintrodotte (Rymešová et al., 2013).

Nell’ambito della sua tesi il Dott. Carniato ha realizzato una notevole raccolta di fonti bibliografiche scientifiche sull’argomento, selezionando i lavori di maggiore interesse. Gli Autori delle ricerche esaminate propongono diverse metodologie per accrescere la risposta anti-predatoria in animali allevati e destinati alla reintroduzione in natura e, per ognuna di esse, viene riportata la risposta, sia degli animali allevati in modo classico, sia di quelli allevati con tecniche finalizzate all’apprendimento anti-predatorio.

Al Dott. Davide Carniato vanno le nostre più sentite felicitazioni e ringraziamenti per il prezioso contributo al progetto LIFE PERDIX, considerato che l’attuazione di un programma di apprendimento precoce anti-predatorio è uno dei punti salienti del progetto di reintroduzione della Starna italica nella ZPS “Valle del Mezzano” in provincia di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.