A Bieri, con l’arrivo della nuova e più capiente incubatrice, i tecnici si sono messi subito a lavoro per eseguire il trasferimento delle uova stoccate. Dopo averle suddivise per aplotipo (P2, P10 e Main Western), sono state spostate nei cassetti del nuovo carrello, collegato ad un dispositivo che permette la rotazione dei cassetti stessi. Raggiunta la temperatura ottimale di 37,5 °C è stato inserito l’allarme che avverte tempestivamente gli operatori in caso di anomalie di temperatura e di umidità. Tra 21 giorni saranno trasferite nella schiusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fill out this field
Fill out this field
Inserire un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.